Lunedì 24 Ottobre ospite di “Autofocus # 6 è stato Matteo Cefarin, Goriziano, Socio del Circolo Fotografico Palmarino e dell’AFNI del Friuli Venezia Giulia.
Matteo è un giovane e molto promettente fotografo specializzato nel paesaggio, particolarmente montano.

Come consuetudine di Autofocus, è stato intervistato dal nostro Paolo Vercesi:

 

Matteo Cefarin intervistato da Paolo Vercesi

Matteo Cefarin intervistato da Paolo Vercesi

 

PV: L’ospite di questa sera è Matteo Cefarin

[applausi]

PV: La formula di autofocus la conoscete già, quindi incominciamo con le domande per sciogliere un po’ il nostro Matteo.

PV: Domanda facile, nome e cognome?

MC: Matteo Cefarin

PV: Età?

MC: 31

PV: Non cercare di guardare le domande. Professione?

MC: Ingegnere civile

PV: Da ingegnere civile ad appassionato di fotografia. Ci racconti come nasce questo connubio?

MC: Ho iniziato a fare fotografia un po’ come tante persone, per fare delle foto ricordo, nel 2009. Dopodiché un mio amico mi ha fatto provare una reflex, dal 2010 ne ho comperato subito una e dalle foto ricordo sono passato ad altre foto. Specializzandomi un po’ di più nel paesaggio.

PV: Sei abbastanza giovane, per non dire giovanissimo e ci hai già mostrato un’ottima padronanza della tecnica fotografica e della post-produzione. Come si arriva a questi livelli in così breve tempo?

MC: Sicuramente guardando chi è più bravo. Personalmente sono cresciuto molto anche grazie al Circolo, dove ho conosciuto persone preparate che si sono spese molto anche per me, tra le quali anche Luigino (Snidero ndr). Dopo bisogna studiare perché non c’è solo il circolo, ci sono i workshop, bisogna guardare i lavori degli altri. Io sono appassionato di libri fotografici per cui mi studio anche le fotografie degli altri.

PV: Come ha conosciuto il Circolo?

MC: L’ho conosciuto tramite Luca Candini, anche lui goriziano, che mi ha introdotto. Conoscevo già il Circolo da un anno, ma è stato Luca a farmi venire fino a Palmanova.

PV: Meglio parlare o fotografare?

MC: Fotografare

PV: Cosa vediamo adesso?

MC: Breath of the Earth, un video di paesaggi montani dove fanno da padrona le situazioni particolari con nuvole, nebbie, etc.

 

1-breath

Matteo Cefarin – Breath of the Earth

 

[Applausi]

PV: Immagini molto belle, vediamo se c’è qualche domanda dal pubblico.

Pubblico: volevo domandare dove ci ha portato con queste immagini…

 

Il pubblico in sala

Il pubblico in sala

 

MC: gran parte delle immagini sono state scattate tra il Friuli, il Veneto ed il Trentino, oppure oltre confine in Slovenia. In particolare le Tre Cime, il Paterno, il Ragusela, Nuvolau, la Tofana di Rozes, le Pale di San Martino, la Valle della Lepena.

PV: Ci racconti qualcosa degli autori che segui o che ti hanno ispirato di più?

MC: Diciamo che seguo un po’ di autori sia regionali, che nazionali, sia naturalmente internazionali. Non seguo solo autori di fotografia naturalistica, ma in campo naturalistico un punto di riferimento sono sicuramente i Dreamerlandscape. Un team di fotografi prettamente paesaggisti, li seguo tutti, sono gli autori più bravi a livello nazionale.

PV: Puoi anche citarne qualcuno…

MC: Vincenzo Mazza, Fortunato Gatto, Salvo Orlando, Samuel Pradetto, Leonardo Battista ed Andrea Pozzi. Tra questi mi piacciono molto gli autori più poliedrici come Padretto e Battista che non sono legati ad un solo genere, fanno sia paesaggio, che macro, che animali e sono bravi in tutti e tre i generi con ottimi risultati. A livello internazionale potrei dire dei nomi scontati come Vincent Munier o Theo Bosboom.

PV: Ti sei cimentato anche in altri generi.

MC: Ci provo, ma il tempo a disposizione è quello che è. Vorrei approfondire la fotografia macro e quella di animali. Ma se si vuole farli con certi risultati sono molto più impegnativi della fotografia di paesaggio. Nella fotografia di paesaggio basta la conoscenza dei luoghi, della luce e delle stagioni, mentre per gli animali e delle macro ci vuole anche una conoscenza più approfondita del paesaggio.

PV: Relativamente al paesaggio, la prossima multivisione è?

MC: Alpine Rooftops, una raccolta di immagini degli ultimi due anni, sempre delle zone montane, in particolare delle Alpi.

 

Matteo Cefarin - Alpine Rooftops

Matteo Cefarin – Alpine Rooftops

 

[Applausi]

PV: Complimenti di nuovo per queste immagini spettacolari e suggestive. Sembra che la montagna sia un tema ricorrente nella tua fotografia. Ci racconti come nasce uno scatto in montagna?

MC: Una fotografia di montagna dovrebbe nascere quando siamo ancora a casa, dovremmo decidere il soggetto da ritrarre, dobbiamo pensare alla stagione in cui andremo, all’inclinazione del sole, come sarà illuminata. Se facessimo fotografie in pieno giorno, non ci sarebbero grossi problemi ma come avete visto si cerca di andare all’alba o al tramonto quando le luci sono più suggestive. Quindi in base al periodo dell’anno bisogna saper scegliere il luogo, il momento, etc. Una volta che abbiamo deciso, bisogna partire e camminare. Non serve sempre camminare tantissimo, perché per esempio nelle Dolomiti ci sono dei punti molto scenici anche facendo pochissimi metri di dislivello, fotografabili più o meno da chiunque, basta aver voglia di alzarsi presto o di ritornare con il buio.

PV: Meglio l’alba o il tramonto?

MC: Meglio il tramonto perché se uno non conosce già il sentiero all’alba è difficile improvvisare, mentre al tramonto almeno abbiamo fatto l’andata con la luce.

PV: Una volta in cui hai camminato tanto e non hai trovato niente?

MC: A mani vuote non è mai capitato, molte volte le condizioni non erano come le aspettavamo. Se in quell’ora di tempo in cui si fanno le foto passa la nuvola di Fantozzi, spesso si portano a casa degli scatti poco significativi.

PV: Una volta che hai scattato scendendo dall’auto senza camminare.

MC: In Dolomiti ci sono tanti posti semplici, Passo Falzarego, Passo Giau, con camminate di mezz’ora si possono raggiungere dei posti interessanti. Altrimenti, vicino a Gorizia si può raggiungere il bosco di Tarnova, dove si va a far foto e le strade, seppur bianche, si possono percorrere dalla primavera all’autunno e si raggiungono tutti i punti senza camminare troppo.

PV: Fatto lo scatto si torna a casa, cosa incomincia?

MC: La selezione delle foto.

PV: E dopo?

MC: La postproduzione di quelle per cui ne vale la pena.

PV: Ci racconti qualcosa della post produzione.

MC: Fino a due tre anni ero piuttosto nullo, un conto è leggere le cose sui libri ed un conto è avere qualcuno che te le spiega o che ti indirizza. Due, tre anni fa ho incominciato il mio percorso di post produzione, come fanno tutti, poi ci ho preso gusto ed ho incominciato a studiare. I risultato dopo un po’ vengono, ci sono molte persone più anziane che magari non hanno tanta dimestichezza con i mezzi informartici ma che con la voglia e la pratica ottengono risultati anche di alto livello.

PV: Studio della tecnica fotografica e studio della post produzione portano ad alti livelli, ma c’è stato un fattore scatenante che ti ha spinto a migliorare nella fotografia? Nel sito parli di un viaggio…

MC: Certo, nel 2013 ho fatto un viaggio fotografico che era un po’ un mio sogno, andare in Islanda. Però ci sono andato troppo presto, perché non ero maturo e ai tempi non facevo fotografia di paesaggio. Ma quando sono rientrato mi sono detto che la fotografia di paesaggio era quello che volevo fare e che era il genere in cui volevo migliorare. Da lì ho incominciato ad alzarmi all’alba, a studiare, a seguire qualche workshop e ad ascoltare chi è più bravo di me.

PV: L’Islanda credo che abbia lasciato un segno su molte persone. C’è un posto in particolare che non sia la laguna ghiacciata che ti ha impressionato?

MC: Non un posto solo, sicuramente tutto l’entroterra lavico e desertico dell’Islanda. Pur sembrando molto monotono, perché chiaramente il deserto non ha grandi rilievi, come la montagna, ma di chilometro in chilometro le rocce hanno colori diversi in base all’evento geologico che le ha prodotte. Per cui si passa da rocce rosso fuoco a rocce grigie con una varietà di colori difficile da replicare in altri posti.

PV: Siamo in autunno, a fine ottobre, dove si va a fotografare?

MC: L’anno scorso in questa stagione sono stato alcuni giorni a Plitvice dove ha piovuto molto e dove ho incontrato anche parecchi amici del Circolo.

 

Matteo Cefarin - Plitvice

Matteo Cefarin – Plitvice

 

[Applausi]

PV: C’è qualche domanda dal pubblico.

Pubblico: Ci spieghi cos’è l’effetto Orton?

MC: In sostanza consiste nella doppia esposizione con uno scatto a fuoco ed uno fuori fuoco. In questo modo otteniamo quest’effetto un po’ magico, come dice Luigino.

LG: Salvo un caso non ho visto mai persone nei tuoi paesaggi, è una scelta stilistica o una predisposizione.

MC: Nelle prime multivisioni avete visto anche qualche elemento umano, un rifugio, una malga, una croce che indicavano una presenza umana e si tratta di foto scattate negli ultimi due anni. Da un anno circa faccio parte dell’AFNI che ha tutta una serie di regole, di scelte etiche per cui nel paesaggio vige l’idea di fare la fotografia senza includere elementi umani per dare una rappresentazione più selvaggia della natura. Credo che le fotografie di Plitvice abbiano data questa sensazione. Fotografando le persone e le passerelle sembrerebbe di essere in un parco, escludendo tutti gli elementi umani ci si trasporta in una dimensione più selvaggia in cui sembra di essere da soli con la natura. Certamente si è trattato di una scelta.

Abbassando di pochi millimetri l’inquadratura della famosa cascata fotografata da Pozzi e da Biancarelli nella composizione entra una passerella che dà tutta un’altra atmosfera alla foto. Personalmente sto cercando di evitare gli elementi umani dalle foto di paesaggio, anche se nelle nostre Dolomiti è molto difficile evitare croci, malghe e tralicci.

PV: Ti eri portato gli stivali a Plitvice?

MC: Non ricordo ma giravamo con degli scarponcini in GoreTex.

PV: Hai già programmato il prossimo viaggio.

MC: C’è un viaggio in programma ma non sarà fotografico. Dal punto di vista fotografico sto maturando l’idea, senza smettere di viaggiare, di cercare di concentrarmi su luoghi più vicini a casa perché ci si può tornare più spesso, si possono seguire le stagioni ed osservare i cambiamenti di qualsiasi genere siano. Ho in mente alcuni piccoli progetti che al momento sono solo abbozzati.

PV: Il prossimo posto che ci fai vedere è vicino è lontano?

MC: E’ un posto lontano, ma non voglio svelarlo. La multivisione è organizzata in due parti e la prima parte e decontestualizzata e non si riuscirà a capire il luogo di cui si parla. Dopo ci sarà una seconda parte con una rappresentazione più classica del paesaggio in cui si svelerà il luogo.

PV: Lasciamo il mistero e godiamoci la prossima multivisione.

 

Matteo Cefarin - Scotland – Outer Hebrides

Matteo Cefarin – Scotland – Outer Hebrides

 

[Applausi]

PV: Complimenti di nuovo per queste immagini. Ci racconti qualcosa di questo viaggio?

MC: Ho fatto questo viaggio l’estate passata agli inizi di luglio, era il viaggio mancato dell’anno scorso perché ero stato male. Era un workshop in compagnia di altri tre fotografi e come docente avevamo Fortunato Gatto che è un grande esperto della zona che vive in Scozia da quasi 10 anni, avevo deciso di visitare questa zona con un fotografo esperto. Alle Ebridi siamo stati 6 giorni sugli otto del workshop, il meteo era stato abbastanza positivo, con nuvole e pioggia. In particolare eravamo alla ricerca della pioggia per trovare qualche arcobaleno, ma non li abbiamo trovati.

PV: A che ora tramonta il sole alle Ebridi in luglio?

MC: Alle 23.30 tramonta e alle 4.30 c’è l’alba, avevamo un paio d’ore per dormire.

PV: Facevate entrambe?

MC: Abbiamo saltato le albe quando il meteo era senza speranza. Ne abbiamo saltate un paio, poi dormivamo dopo pranzo.

GM: Voler metter sempre gli uccelli mossi è una scelta suggerita da Fortunato Gatto oppure un’idea tua?

MC: No, ci sono un paio di altri motivi e molte foto sono comunque nitide. Siccome a giugno mi avevi nominato per Autofocus, quando sono andato alle Ebridi sapevo già di dover fare alcune multivisioni, quindi a differenza di altre volte, sapevo già mentre scattavo come avrei montato la foto creandomi delle piccole idee su come sviluppare la multivisione, come ad esempio per la parte astratta e per alcune foto degli uccelli. Foto di quel tipo, con uccelli mossi, sono foto che si fanno e che fanno autori come Gatto o Piccirillo. Poi non ricordo da chi l’ho letto, ma quando pensiamo agli uccelli di solito sono in volo o in movimento, quindi il ritratto statico non rappresenta completamente l’animale. Detto questo, mi ero portato solo il 70-200, per cui non avevo possibilità di fare dei ritratti più stretti. Il periodo non era indicato e ci avevano sconsigliato di portare ottiche molto pesanti.

PV: Se non ci sono altre domande, la serata può concludersi qua, ringrazio ancora Matteo…

[Applausi]

 

 

Matteo Cefarin

Matteo Cefarin

 

Grazie a:

Logo_PALMANOVA_neg

per l’ospitalità!

pubblicita484

 

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni ai nostri nuovissimi corsi:

7 Novembre 2016, Palmanova Outlet Village Lezione di Bianco e nero, teoria e pratica

Info e modulo di iscrizione scaricabili qui!

 

14 Novembre 2016, Palmanova Outlet Village Lezione di Composizione Fotografica

Info e modulo di iscrizione scaricabili qui!

 

13 Gennaio 2017, MANZANO: partono i nostri nuovissimi Corsi base modulari di fotografia e fotoritocco (12 lezioni + 2 uscite pratiche)

E’ l’11^ edizione del nostro seguitissimo Corso in 10 anni, riveduta ed aggiornata per meglio incontrare le esigenze dei nostri Corsisti!
Solo Tutor qualificati ed esperti!

Info e modulo di iscrizione scaricabili qui!

 

20 Gennaio 2017, CODROIPO: partono i nostri nuovissimi Corsi base modulari di fotografia e fotoritocco (12 lezioni + 2 uscite pratiche)

E’ l’11^ edizione del nostro seguitissimo Corso in 10 anni, riveduta ed aggiornata per meglio incontrare le esigenze dei nostri Corsisti!
Solo Tutors qualificati ed esperti!

Info e modulo di iscrizione scaricabili qui!

 

La nostra passione a tua disposizione!

Tutti i nostri corsi sono gratuiti per i Soci del CFP in regola con il tesseramento a settembre 2016!

Dopo un anno e mezzo, il Circolo Fotografico Palmarino torna al teatro Ristori a Cividale, questa volta con uno show tutto suo!
Sabato 8 ottobre alle 17:30, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’UTE della Città Longobarda, condivideremo con il pubblico un programma di multivisioni molto vario e ci auguriamo altrettanto interessante:

 

FRIULI VENEZIA GIULIA LANDSCAPES - Immagine di Luigino Snidero

FRIULI VENEZIA GIULIA LANDSCAPES – Immagine di Luigino Snidero

 

 

FRIULI VENEZIA GIULIA LANDSCAPES: i luoghi più belli e suggestivi della nostra bellissima regione attraverso gli occhi e gli obiettivi dei Soci del CFP!

È la multivisione che abbiamo preparato nel 2015 per omaggiare il nostro ospite internazionale, David Noton, e tutti gli altri ospiti all’evento del nostro 40° compleanno.

Ve la faremo vedere in versione aggiornata 2016.

 

 

MATAJUR - Immagine di Carlo Gallone

MATAJUR – Immagine di Carlo Gallone

 

 

MATAJUR: un viaggio sulla splendida montagna “di casa”, con immagini di grande suggestione, ottenute dopo mille estenuanti escursioni alla ricerca dell’attimo e della luce perfetta, raccontato dall’autore, Carlo Gallone.

Multivisione inedita.

 

MACRO - Immagine di Gigi Gallone

MACRO – Immagine di Gigi Gallone

 

 

MACRO: il piccolo mondo dei fiori e degli insetti è tanto complicato, quanto meraviglioso: bisogna mettersi al livello del suolo e saper guardare e riconoscere. Bisogna aspettare la stagione giusta ed alzarsi prestissimo, prima che gli insetti incomincino la loro frenetica attività. Lo ha fatto per noi Gigi Gallone. Montaggio di Carlo Gallone.

Multivisione inedita.

 

 

THE KING - Immagine di Maro Zamò

THE KING – Immagine di Maro Zamò

 

 

THE KING: sua maestà il martin pescatore. Alcuni fotografi, non pochi, sono affetti da una sindrome chiamata “martinite”, che li porta ad inseguire il coloratissimo volatile lungo i corsi d’acqua ed a cercare gli appostamenti migliori per riprenderlo in piena attività. Marco Zamò e Francesco Vignando ne sono gravemente affetti e ci faranno vedere quanto. Montaggio di Marco Zamò.

Multivisione inedita.

 

 

VOLTI DEL PATRIARCA - Immagine di Luigino Snidero

VOLTI DEL PATRIARCA – Immagine di Luigino Snidero

 

 

VOLTI DEL PATRIARCA: immagini ed espressioni catturate da Luigino Snidero durante le rievocazioni storiche di Cividale dal 2014 al 2016. Dietro ogni finzione, dietro ogni travestimento, gli occhi non mentono mai ed hanno sempre una storia da raccontare.

Multivisione inedita.

 

 

INSPIRED BY ICELAND - Immagine di Marco Manzini

INSPIRED BY ICELAND – Immagine di Marco Manzini

 

 

INSPIRED BY ICELAND: si chiude con i fuochi d’artificio! Un appassionato racconto per immagini dalla Terra del Ghiaccio vista con gli occhi incantati dal bagliore verde dell’aurora boreale. Di Marco Manzini, Stefano Rossi, Paolo Vercesi, Daniele Favret e Yan Bertoni. Montaggio di Marco Manzini e Stefano Rossi.

 

 

I biglietti per “Timeless” di Rafael Rojas sono andati esauriti in poche ore.
Ne siamo felicissimi, ma al contempo ci spiace per quanti sono rimasti fuori.
Nelle prossime settimane verificheremo tutte le prenotazioni ed è probabile che qualche posto si liberi.
Consigliamo quindi a tutti di mettersi in LISTA D’ATTESA utilizzando l’apposito pulsante

Eventbrite - TIMELESS - RAFAEL ROJAS

Non solo. Se qualche posto rimanesse eventualmente libero poco prima dell’inizio della serata, verranno fatte accomodare eventuali persone in attesa nel foyer, che, dalle 14:00 ospiterà NITAL e SME, che vi faranno liberamente provare a tutti le ultime novità NIKON!

Rafael Rojas

Rafael Rojas

E’ ufficialmente aperta la biglietteria online per l’attesissimo evento con Rafael Rojas, il giovane e già famosissimo fotografo Spagnolo.

L’evento, intitolato “Timeless”, come il recente e splendido libro di Rafael su Venezia, ma che spazierà su tutta la pluripremiata produzione del fotografo, avrà luogo sabato 26 novembre 2016 alle 17:30 presso il teatro G. Modena di Palmanova.

I biglietti, assolutamente gratuiti, sono riservabili su Eventbrite a questo LINK oppure direttamente cliccando sul pulsante qui sotto:

Eventbrite - TIMELESS - RAFAEL ROJAS

Rafael Rojas ci mostrerà e racconterà come la fotografia di paesaggio possa essere intesa come forma creativa di espressione artistica individuale. Affronterà, con esempi concreti e con le sue immagini più belle, i diversi aspetti del processo fotografico, mettendo a confronto il paesaggio esteriore con quello interiore.

Le presentazioni e le interazioni con il pubblico verranno tradotte dall’inglese da un’interprete.

Symmetry by the sea © Rafael Rojas

 

Rafael Rojas (Master Hasselblad 2014) è un artista il cui lavoro fotografico si concentra spesso su concetti come il tempo, la decadenza ed il cambiamento, l’interazione tra l’uomo e la natura e le sue conseguenze sull’equilibrio ambientale, l’energia latente nel paesaggio e l’effemerità dell’esistenza . Rafael si sforza di incapsulare concetti, emozioni e spiritualità nelle sue opere .

È Direttore di “Essential Seeing“, una scuola dedicata all’insegnamento della fotografia come strumento creativo per l’ espressione personale, mediante l’utilizzo di ebooks e video e con la frequentazione di workshop fotografici.
Assieme alla moglia Anca, organizza viaggi fotografici immersivi in alcuni dei posti più magnetici e ricchi d’ispirazione al mondo.
È stato fondatore di Whytake.net, a lungo la più importante ed esclusiva comunità online di fotografi naturalisti al mondo.

 

Per informazioni scrivere a cfpalmarino@gmail.com

 

Soft shores © Rafael Rojas

 

header-workshop-missana

Il corso è rivolto a tutti coloro che, indipendentemente dal bagaglio di competenze possedute, desiderano scavalcare la produzione di “foto singole” per passare alla realizzazione di un “corpus” di immagini che trasmetta un messaggio allo spettatore.

Saranno insegnate le tecniche per sviluppare progetti fotografici coerenti e completi, si cercherà infine di aiutare a mettere in luce le attitudini personali di ciascun corsista al fine di acquisire un percorso narrativo individuale.

Gli obiettivi saranno raggiunti con lezioni teoriche, con esercizi in aula, con l’analisi dei progetti fotografici realizzati da grandi fotografi e con una uscita fotografica assistita dal docente. È prevista la realizzazione di diversi progetti fotografici guidati e di una “tesina” finale scelta liberamente dal corsista e gestita in collaborazione con il docente.

0-master-quadrata-mini-2

 

 Dati generali del Workshop

 

 

TITOLO

IDEE IN LUCE

Il progetto fotografico, come passare dal cercare le foto al trovare le foto.

 

OBIETTIVI DEL CORSO

Il corso si prefigge l’obiettivo di fornire strumenti cognitivi e organizzativi per:

·         Affrontare la sessione fotografica con le idee chiare di cosa si vuole portare a casa alla fine della giornata conoscendo l’importanza relativa delle varie immagini e dedicandosi maggiormente ad ottimizzare la ripresa di immagini chiave piuttosto che quelle secondarie.

·         Programmare la propria attività fotografica in modo da ottenere, mese dopo mese, un corpus di immagini coerenti e funzionali ad una trattazione o ad una mostra o pubblicazione.

·         Valutare tempo e attrezzatura in modo funzionale alla propria attività concentrando le risorse dove sono più proficue.

·         Realizzare un editing efficace per valorizzare ed enfatizzare il messaggio legato al progetto fotografico.

 

DESCRIZIONE

·         Il corso si articola in 16 ore di lezione  teoriche e pratiche distribuite nell’arco di un week-end (sabato+domenica) + 4 ore (sabato mattina) di discussione delle tesine di fine corso con il docente e i corsisti per un totale di 20 ore di lezione.

·         Esercitazione pratica: due uscite fotografiche a tema incluse nelle 16 ore di lezione del weekend.

·         Esercitazione pratica: esecuzione di editing con materiale fotografico fornito dal docente.

·         Esercitazione teorica: creazione di un progetto fotografico con tema proposto dal docente.

·         Realizzazione di una tesina fotografica a tema libero scelto dal corsista con consulenza del docente al bisogno.

NOTA: Dal weekend del corso al sabato di discussione delle tesine ci sarà circa un mese di tempo per dare la possibilità ai corsisti di realizzare il proprio progetto fotografico.

 

DURATA

·         8 ore sabato + 8 ore domenica

·         4 ore sabato mattina

·         Totale ore di lezione: 20 ore

LIVELLO Medio-Avanzato
DOCENTE Alberto Missana

Siti personali:
www.accademiadelleidee.it
www.fotocerchi.it

ATTREZZATURA RICHIESTA Apparecchio adatto alla registrazione di immagini, dalla fotocamera al cellulare
MATERIALE DA PORTARE Portare un portfolio di immagini in formato jpg, max 2 Mb per foto

Nota: portfolio da 6 a 12 foto, a discrezione del partecipante.

PARTECIPANTI Minimo: 6

Massimo: 12

SEDE Circolo Fotografico Palmarino
PERIODO Sabato/Domenica 22-23 Ottobre 2016 (orario 09.00-18.00 con pausa pranzo)

Sabato mattina 26 Novembre 2016 (orario 09.00-13.00)

COSTO 120 €
 

EVENTI COLLEGATI

 

·          eBOOK: alla fine del corso sarà realizzato un libro contenente tutte le tesine finali, verrà distribuito gratuitamente in formato pdf e epub (formato per piattaforme Apple), condiviso tramite social network quali Issuu, etc.

·         LIBRO CARTACEO: per chi volesse potranno essere realizzate delle stampe “print on demand” dell’ebook, senza nessun obbligo di acquisto imposto o sovraprezzo da parte del circolo.

·         MULTIVISIONI: a fine corso si terrà una multivisione presso il circolo per condividere i progetti con i soci, i progetti più meritevoli saranno inclusi in multivisioni future programmate dal Circolo Fotografico Palmarino.

·         SITO WEB: tutte le tesine finali saranno pubblicate senza limite di tempo sul sito www.ideeinluce.net

·         MOSTRA: tutti i corsisti avranno la possibilità di partecipare ad una mostra organizzata per ogni corso, le date e la località da definire in base alla disponibilità del circolo.

 

MENTORING PROGRAM

Una volta completato il workshop tutti i corsisti entrano di diritto in un “mentoring program” che prevede la possibilità di richiedere consigli e consulenze al docente anche per progetti futuri.

I progetti realizzati in maniera autonoma dai corsisti dopo la chiusura del workshop potranno essere ospitati all’interno del sito www.ideediluce.net, previa accettazione da parte del docente.

 

 

gemmati-1 gemmati-2

 

Contatti email per iscrizioni/informazioni:

Alberto Missana: amissana@gmail.com

Circolo Fotografico Palmarino: cfpalmarino@gmail.com

 

Alberto durante la presentazione del workshop

Alberto durante la presentazione del workshop

 

Il pubblico in sala alla presentazione

Il pubblico in sala alla presentazione

© Alberto Missana

© Alberto Missana

…pochi secondi o un secolo, piccole grandi storie di straordinaria quotidianità

Alberto Missana, autore di alcuni straordinari ebook fotografici liberamente scaricabili dai suoi siti personali o dall’Apple Store, ci mostrerà e ci racconterà alcuni dei suoi lavori, utilizzando il tempo come chiave di lettura dei suoi progetti fotografici.

I progetti fotografici di Alberto partono da un’idea, si sviluppano lungo un percorso accuratamente pianificato e si chiudono mescolando emozioni, parole ed immagini, raccontandoci storie suggestive ed affascinanti, utilizzando poche immagini accuratamente distillate, lavorando per sottrazione fino a quando ciò che resta si carica di senso e significato.

© Alberto Missana

© Alberto Missana

A seguire, dopo la multivisione, si terrà la presentazione del workshop “Idee in luce – il progetto fotografico, come passare dal cercare al trovare le foto”. Il workshop è in collaborazione con il CFP.

© Alberto Missana

© Alberto Missana

Lunedì 5 settembre 2016, ore 20:30, presso la Sala conferenze del Palmanova Outlet Village G.C.

 

Logo_PALMANOVA_pos

Ingresso Libero

facebook-logo

info per workshop “Idee in Luce”

www.ideeinluce.net

siti personali Alberto Missana

www.accademiadelleidee.it

www.artistiinluce.it

www.fotocerchi.it

email

amissana@gmail.com

 

 

Multivisioni in Piazza Grande
Circolo Fotografico Palmarino

Venerdì 1° luglio, ore 21:30
Piazza Grande, Palmanova

 

Il Circolo Fotografico Palmarino, in collaborazione con il Comune di Palmanova,  presenta una rassegna delle sue più belle multivisioni, per la prima volta all’aperto in Piazza Grande:

 

Friuli Venezia Giulia Lanscapes

(i più bei paesaggi della nostra splendida Regione visti dai Soci del Circolo)

Sistiana © Matteo Bordignon

Sistiana © Matteo Bordignon

Matajur

(una prima visione assoluta, immagini di Carlo Gallone)

Matajur © Carlo Gallone

Matajur © Carlo Gallone

 

Cromoterapia

(la coloratissima Burano, vista dagli amici di Fotoclub Obiettivo Burano e dai soci del CFP)

Burano © Luigino Snidero

Burano © Luigino Snidero

Inspired by Iceland

(l’Islanda attraverso gli occhi di Marco Manzini, Stefano Rossi, Daniele Favret, Yan Bertoni e Paolo Vercesi)

Iceland © Stefano Rossi

Iceland © Stefano Rossi

Palma A.D. 1615

(4 anni di rievocazioni in Palmanova attraverso le immagini dei Soci del Circolo).

Rievocando... © Luigino Snidero

Rievocando… © Luigino Snidero

Ingresso libero

 

Rafael Rojas

Rafael Rojas

Il grande fotografo naturalista e paesaggista Rafael Rojas, Hasselblad Master 2014, sarà per la prima volta in Italia a Palmanova sabato 26 Novembre, dalle 17:30, ospite del Circolo Fotografico Palmarino.

Rafael Rojas presenterà al pubblico del Teatro Gustavo Modena le sue immagini più belle ed in particolare quelle contenute nel suo ultimo libro, “Timeless”, con straordinarie immagini di un’iconica e splendida Venezia in bianco e nero e stampa fine art.
Rafael Rojas ci mostrerà e racconterà come la fotografia di paesaggio possa diventare una forma creativa di espressione artistica individuale. Affronterà, con esempi concreti e con le sue immagini più belle, i diversi aspetti del processo fotografico, mettendo a confronto il paesaggio esteriore con quello interiore.

Classic Edition Timeless Timeless © Rafael Rojas

Classic Edition Timeless Timeless © Rafael Rojas

Nella presentazione e interazione con il pubblico sarà affiancato da un’interprete. L’evento è gratuito, ma è caldamente consigliato prenotare anticipatamente il posto online.
Per informazioni al riguardo scrivere a cfpalmarino@gmail.com

 

© Rafael Rojas

 

 

Rafael Rojas è un artista il cui lavoro fotografico si concentra spesso su concetti quali il tempo, la decadenza ed il cambiamento, l’interazione tra l’uomo e la natura e le sue conseguenze sull’equilibrio ambientale, l’energia latente nel paesaggio e la caducità dell’esistenza .
Rafael si sforza di rinchiudere concetti, emozioni e spiritualità dentro le sue opere .

Rafael si dedica oggi al ruolo di Direttore di “Essential Seeing“, una scuola Svizzera dedicata all’insegnamento della fotografia come strumento creativo per l’espressione personale che utilizza come strumenti didattici ebooks, video e la frequentazione di workshops fotografici.
Assieme alla moglie Anca, organizza viaggi fotografici immersivi in alcuni dei posti più magnetici e ricchi d’ispirazione al mondo.
È stato fondatore di  Whytake.net, a lungo la più importante ed esclusiva comunità online di fotografi naturalisti al mondo.

 

Symmetry by the sea © Rafael Rojas

Symmetry by the sea © Rafael Rojas

 

Premi

2014   Master Hasselblad

2013   Photolucida Critical Mass – Finalist

2013   International Photography Awards IPA – First Prize

2013   International Photography Awards IPA – Third Prize

2013   International Photography Awards IPA – 3 Honorable Mentions

2013   Px3 Prix de la Photographie de Paris – Category winner

2013   Px3 Prix de la Photographie de Paris – Third Prize

2013   Px3 Prix de la Photographie de Paris – 2 Honorable Mentions

2013   Masters Cup Color Awards – 3rd prize

2012   International Photography Awards IPA – 2 First Prizes

2012   International Photography Awards IPA – 2 Second Prizes

2012   International Photography Awards IPA – Third Prize

2012   International Photography Awards IPA – 3 Honorable Mentions

2012   Px3 People’s Choice Awards – Gold & Silver Medal

2012   Px3 Prix de la Photographie de Paris – Bronze Medal

2012   Px3 Prix de la Photographie de Paris – Honorable Mention

2012   Panoramic Photographer of the Year – Silver Award

2012   Memorial Maria Luisa Awards – First Prize

2011   International Photography Awards IPA – First Prize

2011   International Photography Awards IPA – Second Prize

2011   International Photography Awards IPA – 4 Honorable Mentions

2011   Trierenberg Super Circuit – Gold Medal

2010   International Photography Awards IPA – First Prize

2010   International Photography Awards IPA – Second Prize

2010   International Photography Awards IPA – 2 Honorable Mentions

2010   Memorial Maria Luisa Awards – First Prize

2010   ICP Awards – 3 Honorable Mentions

 

Soft shores © Rafael Rojas

Soft shores © Rafael Rojas

 

Mostre

2014   MontPhoto FEST, Girona, Spain

2014   Photokina 2014, Köln, Germany

2014   Confrontations Gessiennes, France

2014   Casa de Cultura Portalea, Eibar, Spain

2013   Chillon Castle, Montreux, Switzerland

2013   Gallery Metropolis 7, Geneva, Switzerland

2013   Gallery Espace Dupon, Paris, France

2013   Fundación Barraquer, Barcelona, Spain

2013   Voies Off Rencontres d’Arles, France

2013   Caja Castilla La Mancha, Albacete, Spain

2013   Palacio de Revillagigedo, Gijón, Spain

2012   Gallery “Bolena”, Dijon, France

2012   Centro biodiversidad Torre Madariaga, Vizcaya, Spain

2010   Smithsonian Museum, Washington, USA

2010   Burke Museum, Seattle, USA

 

Hebridean stripes © Rafael Rojas

Hebridean stripes © Rafael Rojas

 

Pubblicazioni – Libri

2015   “Timeless”, Rafael Rojas Edition

2011   “Natura”, Editions Altus

2010   “Bouts de Planète”, Editions Altus

 

Seracs © Rafael Rojas

Seracs © Rafael Rojas

Il occasione dell’evento più importante dell’anno per la Città Stellata, la partenza di tappa del Giro d’Italia, il CFP ha avuto l’opportunità di disporre di un importante spazio espositivo: la loggia in Piazza Grande.

In quel bellissimo ambiente, abbiamo quindi allestito l’anteprima della nostra mostra “Naturalmente FVG” e, nell’antistante porticato, giovedì 19 maggio sera, durante la grande festa del Giro, abbiamo proiettato alcune delle nostre più belle multivisioni.

Questo breve articolo è solo per dire un grandissimo grazie all’Amministrazione Comunale, che ha creduto in noi e ci ha ospitati nel suo spazio migliore, a tutti i numerosissimi visitatori della nostra mostra, ai fotografi che hanno messo a disposizione i loro scatti più belli, alle Officine Grafiche Visentin, che li hanno stampati in modo stupendo, a tutti i Soci che hanno allestito, presidiato e smontato la mostra. Per noi è stata una grande festa di fotografia, ancora grazie davvero di cuore a tutti!

Ora la mostra riposerà fino a settembre, quando sarà ospitata al BioPhotoFestival Internazionale di Budoia. A ottobre invece verrà allestita presso la Festa d’autunno a Feletto Umberto. Poi ci saranno ancora 2 location splendide, ma per ora sono ancora top secret!

 

Si decide come ordinare le foto

Si decide come ordinare le foto

Si prendono le misure

Si prendono le misure

Un soddisfatto sguardo d'assieme

Un soddisfatto sguardo d’assieme

 

Marco pianta i primi chiodi

Marco pianta i primi chiodi

Come le mettiamo?

Come le mettiamo?

Discussioni tecniche e raddrizzamento linee

Discussioni tecniche e raddrizzamento linee

Ancora discussioni tecniche...

Ancora discussioni tecniche…

Un angolo della mostra

Un angolo della mostra

Un angolo della mostra

Un angolo della mostra

Preparativi per le proiezioni

Preparativi per le proiezioni

Giovedì 19, mostra aperta!

Giovedì 19, mostra aperta!

E anche le affissioni sono a posto

E anche le affissioni sono a posto

Luigino con il vicesindaco, Adriana Danielis

Luigino con il vicesindaco, Adriana Danielis

Un momento della proiezione di FVG Landscapes

Un momento della proiezione di FVG Landscapes

Gigi in ...maglia rosa

Gigi in …maglia rosa

Tutti con il cappellino del Giro!

Tutti con il cappellino del Giro!

Il Giro è partito, si smonta...

Il Giro è partito, si smonta…