Viviamo in un pianeta unico, abbondante di vita e di meraviglie.
Ho gioito nel raccogliere l’essenza della Terra in un raggio di circa 70 km da casa mia, all’interno di un’area chiamata Friuli Venezia Giulia, ricca di biodiversità con molteplici e fascinosi paesaggi dove si alternano stagioni dai diversi colori e dove l’uomo ha saputo esprimere nei secoli le sue diverse doti artistiche.
Un viaggio dall’alto in grado di dare un assaggio prelibato di ciò che per me la terra natia rappresenta. Realizzato, oltre che con curiosità e passione, anche con la speranza di trasmettere nell’uomo l’amore per il proprio ambiente con un messaggio di salvaguardia dello stato naturale delle cose affinché anche i nostri figli ne godano i benefici.
Fabio Pappalettera
FABIO PAPPALETTERA
Da sempre appassionato di fotografia e cinema oltre che di sport
estremi, all’età di 31 anni e con figli al seguito, decide di lasciarsi alle
spalle la carriera di albergatore per inseguire un intuizione oltre che ad
un sogno. Ora videomaker e fotografo freelance, specializzato in
operazioni con droni, è un punto di riferimento del nord-est d’Italia per i
suoi video sul Friuli Venezia Giulia e vanta prestigiose collaborazioni in
produzioni importanti come la National Geographic. La sua passione
nasce da un’ispirazione, quella di vedere e approfondire le bellezze che
ci circondano e che spesso ignoriamo da una prospettiva diversa e
completa come quella che solo un drone può offrire e spinto dalla voglia
di vivere nuove avventure oltre che a trasmettere delle emozioni uniche.
COLLEGAMENTO ZOOM:

L’evento è aperto a tutti e si svolgerà lunedì 18 gennaio alle 20:30 in collegamento ZOOM. Link di accesso: https://us02web.zoom.us/j/81541358678?pwd=ek82MExuTC9HUm5WUWdvVVB1bE02Zz09

UNA COLLABORAZIONE CIRCOLO FOTOGRAFICO PALMARINO, PALMANOVA – CIRCOLO FOTOGRAFICO L’OBIETTIVO, PASIAN DI PRATO

STORIE DI FOTOGRAFIE.

Ogni singola fotografia può raccontare una storia o semplicemente suggerirla, anche se fa parte di un progetto più ampio, come fosse un racconto nel racconto. Ci sono immagini che vanno ascoltate in silenzio altre che devono necessariamente essere raccontate per svelare il loro mistero.

Francesco Comello ci condurrà in un viaggio dalla Russia a Cuba, dall’India alla Bolivia, attraverso immagini che si aprono al nostro immaginario, per svelare non solo le storie ad esse collegate ma anche i percorsi e le contingenze che le hanno generate. 

 

 

BIOGRAFIA

Francesco Comello (Udine 1963) fotografo freelance.

Dopo aver frequentato la Scuola d’Arte, si diploma e comincia a lavorare nel campo della grafica pubblicitaria e dell’illustrazione.

Fin dal tempo della scuola si appassiona di fotografia, ma solo negli ultimi 12 anni intensifica il suo interesse, con l’intento di produrre dei racconti fotografici.

Per far questo compie dei viaggi che lo mettono in contatto con realtà lontane e culturalmente diverse dalla sua.

Partecipa a numerose esposizioni nazionali ed internazionali. Nel 2012 e 2013 fa parte del Colettivo Synapse. nel 2016 vince il primo premio al World Report Spot Light Award e nel 2017 il 3º premio al WPP nella categoria “Daily Life Stories”.

Nel 2018 pubblica il suo primo libro insieme a Barbara Tutino “Yo soy Fidel”. Nel 2019 viene nominato autore dell’anno FIAF che gli pubblica la monografia “Vite sfiorate”.

Nel 2020 pubblica insieme ad altri 4 fotografi il libro Suite n.5.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’evento è aperto a tutti e si svolgerà lunedì 11 gennaio alle 20:30 in collegamento ZOOM. Link di accesso: https://us02web.zoom.us/j/81541358678?pwd=ek82MExuTC9HUm5WUWdvVVB1bE02Zz09

 

UNA COLLABORAZIONE CIRCOLO FOTOGRAFICO PALMARINO, PALMANOVA – CIRCOLO FOTOGRAFICO L’OBIETTIVO, PASIAN DI PRATO